Personal branding per web designer: ecco la guida definitiva

C’è una cosa che ho imparato in tutti questi anni: non importa quanto sei bravo, ma quanto riesci a dimostrarlo. Questa affermazione rappresenta l’ABC del personal branding per web designer.

A dire il vero questa è la pietra miliare del personal branding in generale, del self marketing o come vuoi chiamarlo, lo chiami.

Se sei un web designer hai una fortuna incommensurabile: il tuo lavoro è completamente basato sulla pura creatività.

Di conseguenza le tue strategie di self branding devono essere in egual modo creative.

Prima di cominciare però, voglio fare una breve premessa su com’è nato questo articolo.


Come nasce questa guida sul personal branding per web designer

Sembra assurdo, ma questa guida nasce grazie a una risposta di Dario Vignali, il guro del marketing, a una mia domanda.

Ma chi è Dario Vignali?

Dario Vignali è un marketer che fattura milioni di euro grazie al web.

Nominato da Forbes come uno degli imprenditori under 30 più influenti del nostro paese, Dario è un faro per chi vuole emergere sul web.

Io lo seguo praticamente da sempre, ed è tutt’ora grande fonte d’ispirazione.

Di recente, dopo avergli segnalato alcuni problemi tecnici sui suoi siti, ha deciso a sua insaputa di complicarmi dannatamente la vita.

Come?

Rispondendo a una mia domanda su Instagram inerente al personal branding che recitava più o meno così:

“Ho un blog e da sempre sono combattuto su come conciliare l’argomento personal branding e web design. Tu cosa mi consigli?”

La sua risposta non mi ha fatto dormire per alcune notti.

In sintesi mi ha consigliato di trattare uno di questi quattro argomenti:

  • Web design per clienti generici
  • Personal branding per clienti generici
  • Web design per personal branding
  • Personal branding per web designer

“Grazie Dario, ora tutto mi è più chiaro”, ho pensato sarcasticamente.

E invece no, aveva ragione.

Perché analizzando a fondo la sua risposta, c’era qualcosa di basilare, ma allo stesso tempo geniale.

Potevo davvero parlare di personal branding per web designer, dato che in fin dei conti è pur sempre una professione che ha bisogno di “vendersi” all’utenza.

E infatti questa guida nasce proprio per questo: dare alcuni consigli per emergere come web designer in un settore alquanto intasato.


Il tuo nome prima di ogni altra cosa

personal branding per web designer signature

La maggior parte dei web designer, e molti altri freelance del settore, usano il proprio nome per emergere e creare un personal brand che duri nel tempo.

Piuttosto che chiamare un sito web “WebDesignService”, non pensi sia meglio dargli il nome più importante della tua vita?

Quale? Il tuo!

I benefici ovviamente sono molteplici.

Presto o tardi, lavorando con costanza e dedizione, il tuo nome diventerà importante per il tuo mercato di nicchia e quindi tutti i tuoi sforzi verranno ricondotti a te nello specifico.

Inoltre, qualora malauguratamente decidessi di cambiare nicchia o settore, non avrai bisogno di sostituire il nome del tuo sito web o del tuo personal brand.


Fai qualcosa che ti distingua da ciò che fanno gli altri web designer

Lo so che è già abbastanza complicato di per se trovare una nicchia, ma se non vuoi essere uno dei tanti web designer nel mondo, dovresti cercare di fare qualcosa diverso dagli altri.

Non è un concetto campato per aria.

Ti faccio un esempio.

Il mio personal brand è incentrato sull’ecosostenibilità del web e per ridurre al minimo l’impronta di carbonio digitale che emettiamo, mi sono specializzato a creare siti ad altissime prestazioni in termini di velocità.

Ora, più un sito web è veloce a caricarsi, meno impatterà sull’ambiente.

Potrei quasi dire di aver creato una nicchia nella nicchia, o giù di li.

Ciò che conta davvero è che tu possa fornire un servizio unico nel suo genere al cliente.

Perché qualcuno dovrebbe scegliere proprio te, se offri lo stesso identico servizio di altri tuoi competitor?

Puntare a distinguerti è un passo importantissimo nel personal branding per web designer.


L’autenticità è la chiave del personal branding per web designer

Di tutte le parole che si associano al marketing, quella che mi ha colpito di più è “personal branding autentico“.

Quando ti parlo di autenticità, intendo dire che devi essere te stesso soprattutto quando ti vendi al pubblico di destinazione.

Devi abbracciare a tutto tondo il tuo modo di essere e trasmetterlo agli altri.

Ciò che fai rifletterà in maniera univoca la tua personalità, il tuo carattere, i tuoi valori, le tue ambizioni e la tua visione delle cose.

Mentre in alcuni campi ci sono professionisti che con un personaggio creato ad hoc riescono a vendere, nel web design questo non è possibile.

Semplicemente perché non puoi falsare la tua creatività o adattarla per diventare qualcuno che non sei.

Un processo creativo come il web design, nasce da gusti personali, mappe concettuali radicate nel tuo cervello e buone (o cattive) abitudini perpetrate nel tempo.

Non provare a essere qualcun altro, ma si te stesso sempre, soprattutto quando ti vendi agli altri.

Mi viene in mente una frase molto forte tratta dal film “Fight Club”.


Infilarti le piume nel culo non fa di te una gallina.

Tyler Durden

L’ideale è focalizzare il tuo personal brand su un massimo di tre valori base della tua personalità.

“Ok Gian, ma se il mio personal branding autentico non attrae gli utenti della mia nicchia?”

Hai semplicemente scelto la nicchia sbagliata.

A questo punto cambia la nicchia, non la tua personalità.


Un processo di crescita lento ma inesorabile

personal branding per web designer chess

Salvati da qualche parte ciò che stai per leggere, perché è uno dei migliori consigli che riceverai nella tua carriera.

Molto spesso alcuni web designer, soprattutto agli inizi, decidono di buttarsi su troppi progetti contemporaneamente, sperando di creare un portfolio ricco e versatile nel minor tempo possibile.

Ecco, questo è un enorme errore.

Il rischio concreto è quello di sprecare energie cercando di rispettare infinite scadenze, finendo per produrre un lavoro di dubbia qualità.

Il rischio per il tuo personal brand, tra l’altro, è altissimo.

I tuoi clienti non saranno di certo contenti di un lavoro poco curato, e per quanto tu riesca a costruire un corposo portfolio, sarà pur sempre un’accozzaglia di progetti mediocri figli della fretta.

Secondo te questo è un approccio efficace?

Senti invece questa.

Ti focalizzi su pochi progetti, aumenti il costo dei tuoi servizi e realizzi lavori eccezionali ma unici nel loro genere.

Si, lo so, ci vorrà più tempo per costruire un portfolio, ma sicuramente sarà qualcosa che ti distinguerà dai tuoi competitor.

Tra l’altro, i tuoi clienti soddisfatti non solo continueranno a utilizzare i servizi che metti a loro disposizione, ma faranno volentieri del marketing per conto tuo consigliandoti ai loro conoscenti!

Consiglio bonus per creare un portfolio mozzafiato

Se uno dei tuo imminenti obiettivi è quello di rendere più corposo il tuo portfolio, non sei costretto per forza ad aspettare che qualcuno ti commissioni un nuovo progetto.

Ricordati sempre che siamo creativi, e non lo dobbiamo essere solo quando veniamo pagati.

Mi spiego meglio.

Se non hai scadenze imminenti, puoi sempre creare dei progetti personali da mostrare nella tua pagina “work”.

Tantissimi freelance lo fanno, non solo i web designer.

Inoltre, se sei particolarmente portato per il copywriting, puoi implementare il tuo blog (come faccio io).

Questo ti darà una spinta in più per il posizionamento sui motori di ricerca.


La coerenza è fondamentale nel personal branding per web designer

Per stare in prima linea nella feroce guerra del web design, devi assolutamente affermarti come un professionista appassionato in ciò che fa e che pone la qualità sopra ogni altra cosa.

In poche parole, il tuo brand deve essere continuamente accostato a un lavoro impeccabile.

Il mio consiglio è quello di non compromettere mai la qualità per nessuna ragione al mondo.

Se il valore del tuo lavoro comincia a venir meno, anche il tuo personal brand ne risentirà.

Un’altra cosa fondamentale è quella di non confondere i tuoi utenti.

Usa sempre la stessa immagine profilo in tutti i tuoi canali social e anche sul tuo sito web.

Se ci fai caso, nella sezione about di questo sito c’è il mio faccione barbuto in evidenza, ed è lo stesso per tutti i social network su cui sono presente.

È una cosa importante, dato che così facendo il pubblico di destinazione collega in automatico il mio volto al mio personal brand.

Per assurdo, nel tempo potrei decidere di cambiare centinaia di volte il mio logo, ma la mia immagine resterebbe sempre la stessa.

Tutto questo, a meno che non venga sfigurato in volto da un oggetto spaziale in rotta di collisione con la terra.

In quel caso, qualora sopravvivessi, dovrei andare a rivedere tutte le mie foto profilo.

Dannazione.


Non complicarti la vita e lavora in maniera intelligente

personal branding per web designer bulb

Voglio chiudere questa guida al personal branding per web designer dandoti alcuni consigli.

Ecco alcune idee intelligenti per far conoscere il tuo brand e darti visibilità in modo facile e senza troppi sforzi.

  • Comincia a scrivere sul tuo blog articoli inerenti al web design e condividi le tue conoscenze su internet.
  • Ergiti a esperto nel tuo campo (solo se ovviamente sei già pronto per farlo), commentando sui blog di settore e portando valore agli utenti.
  • Crea sinergie con altri professionisti della tua stessa nicchia. Segui chi influisce i mercati del tuo settore e interagisci con loro.
  • Utilizza i social network per aumentare il valore del tuo personal brand.
  • Fai qualcosa per la comunità. Mentre io ho deciso di affidarmi a Treedom per piantare un albero ad ogni sito web che realizzo, tu potresti fornire tutorial gratuiti o servizi per qualche associazione che sostieni.
  • Che ne dici di accettare il fatto che esiste un pianeta popolato da persone? La comunicazione face-to-face è molto potente, quindi dovresti prendere in considerazione il fatto di partecipare a eventi rilevanti e relazionarti con gli altri. Questo è molto efficace per consolidare la tua figura di esperto nel tuo campo.
  • Non smettere mai di studiare e aggiornarti. Questa è alla base di ogni professione, a maggior ragione nella nostra, che tende a evolversi nel giro di pochissimo tempo.

Ringraziamenti

Come ho scritto all’inizio, questo articolo nasce grazie all’ispirazione di Dario Vignali.

Il mio ringraziamento va a lui, per la costante ispirazione che genera in chi si affaccia al mondo del web.

Se hai ulteriori idee su come fare personal branding nel nostro settore, fammelo sapere nei commenti.

Resta connesso. Alla prossima!


Iscriviti alla newsletter di TARS

Ciao, sono TARS e anch'io odio lo spam quanto te.
Per questo motivo riceverai una mia email soltanto quando viene pubblicato un nuovo articolo sul blog.
Ti comunico che il mio livello di sincerità è settato al 95%, quindi ti puoi fidare.

Lascia un commento