Il tuo personal brand in 10 mosse

personal brand

Oggi giorno tutti conoscono l’importanza e i benefici di come un personal brand ben gestito e curato possa giovare alla nostra carriera.

Tu sei al corrente delle cose che non devi dimenticare quando crei il tuo personal brand? Sai come creare il tuo marchio senza commettere alcuni banali errori?

In questo articolo ti darò alcuni consigli per sviluppare il tuo personal brand da zero, cercando non commettere alcuni errori comuni.




personal brandingAttualmente fare personal branding è tanto importante quanto il Curriculum Vitae, se non di più, soprattutto dal momento che sempre più spesso il primo contatto tra aziende e candidati di lavoro avviene attraverso Internet e i vari social network.

Già questo dovrebbe farti capire quanto sia importante prendersi cura della propria immagine sul web.

Sia chiaro, il personal branding non è un capriccio da star, ma un fattore vitale per raggiungere il tuo obiettivo professionale.

Tanto prima comincerai a prenderti cura della tua immagine, tanto più vicino sarà il primo passo verso una brillante scalata lavorativa.

Pertanto, questo articolo può aiutarti a non commettere alcuni errori nella costruzione di un solido personal brand che, nonostante possano sembrare poco importanti, in futuro ti toccherà ovviare.

Come creare un personal brand in 10 mosse

Questo è un tema molto importante per tutti, e cercherò di contribuire nel migliore dei modi per spiegarti come costruire un personal brand in 10 semplici mosse. Ma prima…

Cos’è il personal branding

Innanzitutto cerchiamo di fare chiarezza sul significato di “personal branding“.

Il personal branding è il processo di identificazione, comunicazione e posizionamento di un elemento che ci contraddistingue, ci rende diversi, pertinenti, e visibili in un particolare settore.

Ancora non ti è chiaro? Mi spiego meglio.

  • E’ l’immagine che viene in mente alle persone quando pensano a te
  • E’ ciò che pensano di te, l’impronta che hai lasciato nella testa delle persone
  • E’ quello che ti contraddistingue: valore, abilità e azioni che associano alla tua persona

I vantaggi che si hanno dal consolidare un personal brand

Alcuni vantaggi che si hanno dalla creazione di un marchio personale:

  • Distinguerti dalla concorrenza
  • Posizionarti come un esperto nel tuo campo
  • Ottenere nuove opportunità di lavoro
  • Trasmettere maggior fiducia professionale
  • Ottimizzare un curriculum per il web
  • Diventare un influencer nel tuo campo lavorativo
  • Aumentare la tua rete di rapporti con altri professionisti del settore
  • Migliorare la rete contatti nel tuo campo lavorativo




Come creare un personal brand passo passo

Prima di cominciare a lavorare sul tuo brand è cosa buona e giusta che tu conosca il tuo settore d’appartenenza.

1. Scopri il tuo valore aggiunto

In cosa eccelli, cosa sai fare ma soprattutto cosa ti piace fare?

Una volta risposto a queste domande dovrai trovare e definire i tuoi punti di forza attorno al quale costruirai il tuo marchio.

Definiti questi punti, ti consiglio di trovare uno o più elementi che ti differenzino realmente da tutti gli altri competitor nel tuo settore.

Alcuni elementi che sicuramente ti differenzieranno dagli altri saranno:

  • Un’immagine (avatar) d’impatto e di qualità
  • Impostare uno stile inequivocabile che i tuoi seguaci ricondurranno a te
  • Creare un logo che valorizzi il tuo personal brand
  • Definire i tuo colori portanti, che riportino al tuo logo e dunque alla tua persona

Dopo aver scoperto il tuo valore aggiunto è arrivato il momento di fissare degli obiettivi e delle mete, motivo per cui dovrai rispondere ad alcuni quesiti…(tranquillo, sono elencati al punto 2).

2. Poniti una meta

Sai quali sono i tuoi obiettivi? Chi vuoi essere? Che cosa vuoi diventare? In quale campo vuoi essere un esperto?

Se desideri creare un solido personal brand, che venga peraltro riconosciuto dai più, è importante conoscere i tuoi obiettivi e definire ciò che vuoi raggiungere.

Una volta che avrai le risposte a queste domande, dovrai definire alcune cose qui di seguito riportate.

3. Sii chiaro su cosa vuoi offrire

Utile, affidabile, visibile.

Alcuni dei punti chiave per un brand di successo sul web sono:

  • Che venga percepito come un marchio utile per gli altri
  • Che sia affidabile, attraverso un blog o un sito web
  • Che sia visibile su internet, sui social network e che la comunità riconosca rapidamente.

In questo modo otterrai la fiducia nella tua persona e nel tuo brand dal resto delle persone.

Un consiglio vitale per accrescere l’affidabilità del tuo marchio è quello di avere un blog o un sito web con un dominio di tua proprietà. Questo passaggio è fondamentale per trasmettere professionalità e importanza al tuo brand.

4. Scegli il nome del tuo sito

Una dell premesse iniziali per creare un blog o un sito web è quello di scegliere il nome del dominio; il mio consiglio è quello di utilizzare il tuo nome e cognome, seguito dall’estensione .it o .com. Un po’ come nel mio caso, in cui ho scelto www.gianlucaraid.it.

In alternativa, puoi utilizzare alcune parole chiave che riconducano al tuo settore d’appartenenza professionale.

Ora che hai scelto il tuo dominio ti consiglio di leggere alcuni miei consigli…

5. Crea e cura il tuo sito

Google non mente mai (o quasi), quindi ciò che dice di te il grande motore di ricerca è ciò che poi gli utenti attribuiranno al tuo personal brand. Ricapitolando:

  • Il nome del tuo sito sarà composto da nome e cognome o parole chiave inerenti al tuo settore
  • Dovrai scrivere contenuti di valore e qualità
  • Soffermarti sulla qualità dei contenuti e non sulla quantità
  • Ricordarti che offrire aiuto genererà feedback
  • Scegli sempre contenuti inerenti al tuo settore
  • Sii paziente. L’autenticità paga sempre.

6. Cura la tua immagine sul web

Per consolidare il tuo personal brand segui questi tre consigli:

  • Fai una ricerca su di te tramite Google
  • Richiedi di rimuovere i contenuti sgraditi grazie all’apposito modulo di Google
  • Fai un salto su Google Alert per trovare nuovi interessanti argomenti

Ricordati che i social network devono essere la tua marcia in più. Il mio consiglio è quello di utilizzare quelli principali e di ottenere il massimo dal loro impiego, creando sempre contenuti di valore.

7. Amplia la tua rete sociale

Se utilizzi Linkedin, Twitter o Google tieni a mente questi consigli:

  • Utilizza lo stesso nome utente su tutti e tre i social network. Ne gioverà il tuo brand
  • Scegli una foto profilo di qualità
  • Usa alcune parole chiave nelle descrizione dei profili

I social network di cui sopra, sono molto utili per promuovere il tuo personal brand, ma molto dipende anche dal tuo settore lavorativo; in alcuni casi è più indicato utilizzare Facebook o Instagram, anch’essi mezzi potentissimi.

Seleziona quelli che meglio si adattano alla tua strategia di divulgazione.

Tieni a mente che l’importante non è essere presente su tutti, ma curarli il meglio possibile.

8. Osserva chi influenza il tuo settore

Ecco alcuni consigli che possono esserti utili:

  • Segui i brand che influenzano il tuo settore. Cerca di capire cosa apprezzano, come lavorano e in che modo potresti interagire costruttivamente con loro
  • Non attendere che siano loro a cercarti. Offri da subito i tuoi contenuti interagendo sulle loro pagine web e sui loro canali social
  • Segui i maggiori influencer nel tuo settore e relazionati con loro
  • Non seguire tutti ma solo i migliori nel tuo campo. Impara dai loro successi e cerca di comprendere i loro errori di percorso

9. Procurati dei biglietti da visita (non sto scherzando)

Anche se oggi ci sono molte altre opzioni e potresti pensare che i biglietti da visita non vengano più utilizzati come una volta, questo piccolo cartoncino continua a fare la sua porca figura. Differenziati dagli altri. Sempre.

Alcuni suggerimenti:

  • Aggiungi una foto professionale al tuo biglietto da visita. Sono in pochi a farlo
  • Aggiungi la tua email e ovviamente il tuo numero di telefono
  • Non deve mancare il tuo sito web e i tuoi principali social network
  • Inserisci una breve descrizione con le parole chiave

10. Non trascurare la vita reale

Ricordati sempre che non sei un personaggio virtuale, ma una persona in carne e ossa, quindi ecco alcuni suggerimenti per valorizzare il tuo personal brand nella vita di tutti i giorni:

  • Partecipa agli eventi del tuo settore e fai conoscenza con altri professionisti “face to face”. Scrivi un articolo sull’evento e invia un messaggio di posta elettronica ai tuoi contatti
  • Non mancare alle conferenze e ai convegni. Sono terreno fertile per dar vita a nuovi colloqui lavorativi e potrai lasciare il segno nelle persone che incontrerai

Altri consigli per consolidare il tuo personal brand

  • Definisci e crea la tua identità online
  • Segui rigorosamente i tuoi principi
  • Definisci una strategia vincente
  • Posiziona al meglio il tuo nome su Google
  • Crea contenuti di qualità
  • Affina il marketing inbound
  • Crea il tuo canale YouTube

10 errori che potrebbero danneggiare il tuo personal brand

1. Non definire la tua identità

Se il tuo brand non ha una chiara identità, creerai soltanto confusione. Sii te stesso!

2. Non avere un obiettivo

Uno degli errori più comuni quando si crea un brand è quello di non sapere quale strada si debba intraprendere. Fissa un obiettivo e perseguilo!

3. Non pianificare una strategia

L’errore più grave che potresti commettere è quello di saltare la pianificazione di una solida strategia per raggiungere in minor tempo un obiettivo prefissato. E’ fondamentale che tu abbia sempre il pieno controllo di ciò che fai. Devi sapere cosa fai per il tuo brand e perché lo fai.

4. Utilizzare social network inadeguati al tuo brand

I social network sono sicuramente tuoi alleati, ma è necessario conoscerli bene e sapere quale scegliere; essere iscritto a tutti i social network esistenti non consoliderà il tuo brand. Scegli solo quelli che hanno senso per il tuo progetto.

5. Copiare un altro brand

Non commettere mai l’errore di copiare un brand di successo. Il fatto che quel brand abbia avuto successo, non significa che lo farà anche il tuo, anzi. Ricorda sempre che in questo ambiente vengono premiate le idee originali. Te lo ripeto: sii te stesso.

6. Avere nomi diversi sul web

Utilizzare nomi diversi sul web e nei vari social network è altamente sconsigliato. Crei confusione e di certo non ne giova il tuo brand.

7. Pensare di essere arrivato

La cosa peggiore che puoi fare è quella di pensare d’aver raggiunto il tuo obiettivo, solo perché che qualcuno sul web comincia a parlare di te. Non smettere mai di lavorare al tuo progetto; studia e lavora per crescere giorno dopo giorno.

8. Essere poco costante

Posizionare il tuo personal brand non sarà facile, altrimenti tutti lo avrebbero già fatto e questa guida sarebbe completamente inutile. La costanza nel pubblicare contenuti strepitosi, utili e originali, sarà di certo la marcia in più per farti emergere. Ricordalo!

9. Non essere costantemente aggiornato

Come ti ho già detto prima, devi essere sempre aggiornato sulle novità del tuo settore per emergere prima e meglio dei vari competitor che troverai lungo la tua strada. Non si smette mai di studiare, ricordalo.

10. Non fare networking

E’ molto importante essere in costante contatto con le persone e le questioni legate al tuo settore. Grazie a questo, imparerai molto e acquisirai esperienza da riversare nel tuo brand.


Con questo articolo fiume, spero di essere riuscito a darti delle direttive utili per creare il tuo personal brand. Non dimenticare mai che per quanto la strada possa sembrarti in salita, la riuscita del tuo progetto dipende solo da te!

Resta connesso, alla prossima! 😉

Ah, ultima cosa importantissima:

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto e twitta il post ai tuoi followers.

PS: se non l’hai già fatto clicca sul pulsante +1

2 thoughts on “Il tuo personal brand in 10 mosse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *