Le 4 regole del freelance per guadagnare tutto l’anno

freelance

Uno degli aspetti negativi della vita del freelance è sicuramente la precarietà del lavoro.

Anche se i clienti sembrano affollarsi in un determinato lasso di tempo, ciò non significa che sarà sempre così. Lo so io, lo sai tu e lo sanno tutti quelli che hanno deciso di mettersi in proprio. Purtroppo.

Da qui, la splendida idea di scrivere questo articolo.




Le 4 regole del freelance per guadagnare tutto l’anno!

Quando si è freelance, una delle primissime cose che dovresti imparare a fare è quella di saper organizzare il lavoro e fissare degli obiettivi. Questo serve proprio a evitare di rimanere a secco a metà del mese.

Leggi queste quattro semplici regole per sopraffare la precarietà.

Sei pronto? C’mooon!

Cura il tuo blog e i social network

blog

Sembra una cosa ovvia, ma non lo è. Per far si che le persone ti trovino, devi farti conoscere ed essere raggiungibile. Molti freelance trascurano questo aspetto e di conseguenza perdono di visibilità.

Per rimediare a questo, devi essere presente sui maggiori social network (Facebook, Twitter, Google+, Linkedin) e il tuo indirizzo e-mail deve essere in bella vista; volendo puoi fornire anche il tuo numero di telefono, dato che in questo modo sarà più semplice contattarti.

Dando per scontato che tu abbia un sito web con blog annesso (se non ce l’hai sei da denuncia), ti consiglio di dedicarci del tempo, parlando di cosa fai e mostrando i tuoi lavori.

Il sito web è la vetrina principale del tuo negozio ed è quello che può attirare nuovi potenziali clienti.

Sii impeccabile con qualsiasi cliente

handshake

Lo so, non tutti i lavori che ci vengono commissionati sanno essere motivanti. Tuttavia non mostrare mai al tuo cliente che il suo progetto è uno di questi.

Sii impeccabile quando lavori su qualsiasi progetto, piccolo o grande che sia.

Tutti i clienti vanno trattati allo stesso modo, in primis perché questo è un tuo dovere professionale e poi perché spesso, chi ti commissiona un piccolo lavoro, se soddisfatto del tuo operato potrebbe ricontattarti per qualcosa di più importante.

Se tieni a mente questo, vedrai di certo crescere la clientela e con essa sia il lavoro che i feedback positivi. Ricorda, il passaparola è un’arma potente!




Sfrutta le tue conoscenze (e i tuoi contatti)

grid ai

Tutti abbiamo una rete di contatti, allora perché non sfruttarla a dovere per trovare nuovi clienti?

Mark Granovetter, noto sociologo statunitense, afferma: “Devi utilizzare i tuoi contatti per trovare clienti e costruirti così una reputazione. I membri della tua rete devono consigliarti per le tue competenze; i tuoi contatti sono in grado di farlo e lo devono fare”.

Lo so, detto così sembra quasi un’imposizione, ma non lo è.

Vedi, la gente tende a consigliare ai propri contatti i migliori professionisti del settore. Di solito lo fa per potersi vantare di essersi servito del lavoro del migliore in circolazione o per millantare conoscenze più o meno importanti.

Che strana la razza umana, eh?

Però…C’è un però. Per far si che dilaghi il passaparola, devi essere davvero il più bravo nel tuo settore. Fai di tutto per esserlo, questo è fondamentale per far crescere in modo esponenziale la tua clientela.

Fai attenzione alle spese

money saving

L’ultimo consiglio che voglio darti è quello di organizzare al meglio le tue uscite. Il lavoro del freelance non vive di una stabilità matematica. Ci sono mesi in cui potresti essere sommerso da lavoro e altri in cui la quiete potrebbe farla da padrone.

La meravigliosa vita da freelance l’hai scelta tu, quindi evita di farti cogliere impreparato.

Se c’è una carenza di lavoro (che non dipende da te), e avrai preventivato la cosa a tempo debito, di certo non ti ritroverai a morire di fame.

In uno dei miei film preferiti (Spy Game), Robert Redford diceva:

Conclusioni

Questo è forse uno dei miei post più brevi, anche perché vuole essere d’incoraggiamento a tutti quelli che da poco si sono affacciati al mondo dei professionisti freelance. In merito a questo argomento potresti trovare interessante anche questa guida, quindi dagli un’occhiata.

Resta connesso, alla prossima! 😉

Altri articoli che potrebbero interessarti


Ah, ultima cosa importantissima:

Se l’articolo ti è piaciuto lascia un commento qui sotto, twitta il post ai tuoi followers o condividilo sui tuoi social network.

PS: se non l’hai già fatto clicca sul pulsante +1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *